Che cos’è, che cosa fa e perchè la consulenza pedagogica?

Image and video hosting by TinyPic
La consulenza pedagogica è un servizio professionale dedicato a chi vuole affrontare una situazione vissuta come un problema: e tutti, da i “piccoli” ai “grandi”, possono vivere momenti di difficoltà  che necessitano di un affiancamento temporaneo.

Tanti, troppi sono coloro che dispensano consigli a ogni pie’ sospinto: il pedagogista questo lo sa. Sa anche che la giusta direzione è educare all’autonomia e non addestrare alla dipendenza: condizioni che hanno dei costi alti. Non a caso educare è costoso in tutti i sensi.

Che cosa fa un consulente pedagogico? Aiuta a reagire. È un percorso educativo alla relazione, per “tirare fuori” caratteristiche della personalità e del temperamento propri dell’utente, per affrontare una situazione “scomoda”.

Il consulente è quello che un buon navigatore rappresenta per un pilota. Anticipa e indica la strada già mappata, per raggiungere la meta sani e salvi, possibilmente da vincenti.

La consulenza non è un anestetico, ma un sostegno alla sofferenza: accompagna nei momenti difficili, dà una buona base da cui ripartire, per poter tornare a camminare da soli. Educa anche alla cura di sé a partire dai piccoli dettagli che possono incidere sulla qualità della vita.

Ricordate: chiedere aiuto non è una vergogna, ma una scelta corraggiosa!

 

Image and video hosting by TinyPic

 

  • Perché la consulenza pedagogica?

Perché tutti siamo educabili: dal “piccolo”, al “grande”!

  • Cosa fa la consulenza pedagogica?

Porta in equilibrio situazioni che impediscono una fluida maturazione del soggetto in questione.

  • Come agisce la consulenza pedagogica?

Attraverso strategie educative fondate su: la ricerca-azione, la centralità del clima emozionale, l’attivazione delle funzioni di pensiero.




 

 

 

 

6 thoughts on “Che cos’è, che cosa fa e perchè la consulenza pedagogica?

    • Non è solo merito mio…Ho avuto la fortuna di avere un ottimo maestro;-) A quando il nostro libro sulla consulenza pedagogica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*