Comprendi la (tua) sofferenza in 5 mosse

Image and video hosting by TinyPic

“Pura sofferenza” di Carolina Benedetti

Il dolore è differente dalla sofferenza. Se il primo non dipende dalla soggettività, il secondo sì, perchè si riferisce al modo con il quale sento il dolore.

La modalità percettiva, quindi, dipende dall’individuo stesso che affronta il dolore che può essere di natura fisica o morale.

Ecco le 5 mosse per comprendere la sofferenza;

  1. Non sottovalutare la sofferenza emotiva, perchè è pari a quella fisica;
  2. Attribuiscile un nome: se è rabbia o tristezza  piuttosto che disgusto sappi ri-conoscere dando un’identità e la possibilità di espressione;
  3. Sii consapevole del fatto che fino a che non soffrirai non potrai godere della felicità;
  4. Sii umile. Sopporta l’assenza di un qualcosa a cui tieni, perchè solo così ne godrai della presenza quando ci sarà;
  5. Persevera nelle situazioni difficili: alla mancanza di respiro segue spesso una sana boccata di ossigeno;

Barbara Gaiardoni